Come si differenziano PON e POR

I Programmi Operativi (PO) declinano, per settori e territori, le priorità strategiche che lo Stato membro dell’UE ha manifestato all’interno dell’Accordo di Partenariato. Sono suddivisi in Programmi Operativi Nazionali (PON), Programmi Operativi Regionali (POR) e usufruiscono delle risorse dei Fondi Strutturali, delineando gli obiettivi specifici all’interno di assi prioritari, su base pluriennale.

Il soggetto responsabile del PO, anche detto Autorità di gestione può essere lo Stato Membro oppure altri organismi pubblici o privati designati dallo stesso.

La Programmazione comunitaria prevede la realizzazione di molteplici Programmi Operativi cofinanziati a valere sui quattro Fondi Strutturali e di Investimento europei: Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), Fondo sociale europeo (FSE), Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e Fondo per la politica marittima e della pesca (FEAMP).

 

Programmi Operativi Nazionali

I Programmi Operativi Nazionali (PON) sono gestiti a livello nazionale e riguardano l’intero territorio. Ognuno di essi declina un aspetto tematico di particolare rilevanza per il Paese, corrispondente a uno o più Obiettivi definiti a livello comunitario per l’utilizzo dei Fondi Strutturali.

 

Programmi Operativi Regionali

I Programmi Operativi Regionali (POR) sono a titolarità di un’Amministrazione locale (Regione o Provincia autonoma), possono essere monofondo oppure plurifondo, e riguardano il Fondo Europeo per Sviluppo Regionale (FESR), il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), a seconda delle tipologie di fondi messi a disposizione delle Regioni.

 

 

Fonte: Agenzia per la Coesione Territoriale