La digitalizzazione nell’era della pandemia

Lente di ingrandimento e icona di mappamondo

La pandemia da COVID-19 ha indubbiamente accelerato il processo di digitalizzazione, sottolinenando ancor di più il divario tra imprese già operanti nel mondo online e quelle che avevano timidamente accennato ad entrarvi, se non addirittura sempre evitato di farne parte.

I settori maggiormente colpiti dalla mancanza di digitalizzazione sono tutti quelli in cui la presenza fisica è insostituibile. Lo sport, la scuola, il lavoro artigianale. Le differenze settoriali dunque determinano notevoli differenze nel livello di assorbimento delle nuove tecnologie.

I cambiamenti introdotti dal lockdown e dallo smart working non avranno di certo carattere transitorio, quanto piuttosto rappresenteranno le basi di nuove figure professionali e di nuove richieste da parte del mercato destinate a perdurare nel tempo. La rete 5G in tal senso funge ancor più da traino in questo processo.

Di conseguenza anche la figura del consumatore-tipo si evolve: aumento dell’e-commerce e uso delle App.

Per saperne di più clicca qui